Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

Coaching: Semplici regole contro la PROCRASTINAZIONE!

Scritto da Silvia Tomba il 29 agosto 2012, in Coaching, Life Coach, Motivazione
Agire contro la procrastinazione con il coaching

Ho deciso di dedicare il tema del mio secondo articolo sul blog Ekis Coaching, ad un argomento che mi sta particolarmente a cuore, cioè la procrastinazione!

Ti è mai capitato di procrastinare?

Ahhh… la parola MAGICA! Poche volte forse siamo stati abituati a riflettere sulla procrastinazione, ricordo ancora la prima volta che ho sentito questa parola, ero forse alle scuole medie e ho pensato… ah si, questa è proprio una parolona che riempie la bocca… una di quelle che non usano tutti, quindi, mia cara Silvia, imparala, mettila nel tuo vocabolario e alla prima occasione sfoggiala e farai un figurone! ;-)

Ebbene, non soltanto l’ho inserita nel mio vocabolario ma devo dire che ne ho colto particolarmente bene anche il significato! ;-)

Tanto per dirlo chiaramente, io sono una che procrastina spesso! La maggior parte delle volte è sicuramente colpa di una mancanza di organizzazione… bhé si diciamocelo, può capitare anche a chi come noi, interessati ai temi della crescita personale, in realtà vive una vita normalissima e frenetica, volendo essere pignoli forse la mia non è proprio procrastinazione;-)… in ogni caso qualche tempo fa ho deciso di riflettere su questa faccenda e ho individuato alcune considerazioni che vorrei condividere con te.

Ti rifaccio la domanda: ti è mai capitato di procrastinare?

È il momento in cui sai esattamente cosa vuoi e cosa devi fare , eppure sprechi ore perdendoti  in attività inutili, vagando su internet senza meta, o altre attività simili…

Benvenuto in questo fantastico mondo! È piuttosto affollato credo ;-)

Sono fortemente convinta che nessuno di noi sia una macchina: una piccola pausa ogni tanto è necessaria e sacrosanta, ma quel che è certo è che quando la pausa si prolunga troppo e si trasforma in procrastinazione significa che indugiamo in un circolo vizioso dove frustrazione e scarsi risultati fanno gioco di squadra contro la nostra AUTOSTIMA!

La procrastinazione spesso è mossa da ragioni inconsce che alle volte costa molta più fatica affrontare rispetto al tenere il passo con i proprio impegni ed obiettivi; si tratta di una patologia molto conosciuta nell’ambito del Mental Coaching… meglio nota come… nascondere la testa sotto la sabbia! ;-)

Ora, vorrei condividere insieme a te alcuni semplici consigli per iniziare una lotta contro la procrastinazione e vincerla! Si tratta di consigli molto semplici e pratici che io stessa tengo bene in mente quando la procrastinazione si insinua nelle pieghe della vita quotidiana.

Non è tanto importante indagare quali sono le ragioni che ci portano a procrastinare, possono essere innumerevoli, quello che è certo è che non ha senso concentrare la propria attenzione sul problema, quanto piuttosto sulla soluzione più rapida per uscirne, per superare la barriera mentale che ci stiamo creando! Così come avviene per la gestione dello stato d’animo, non importa cosa abbia causato un determinato stato, importa quali RISORSE utilizziamo per cambiarlo (fisiologia, linguaggio, credenze, etc…) allo stesso modo quando sappiamo di stare procrastinando una certa cosa… l’importante è AGIRE!

Facendo cosa? Ecco alcune semplici regole:

  • Smettila di pensare. Ti è mai capitato di iniziare la tua settimana con una grande motivazione verso la pianificazione, la programmazione indefessa delle tue attività, contento del fatto che stai pianificando, e sappiamo che è un lusso a volte già poterlo fare… e poi? Quando è che cominci a smettere di pensare, di pianificare i dettagli, ed inizi ad agire? Delle volte non accade mai… perché è come se stessi aspettando che le condizioni siano tutte perfette” perché si possa partire, per esempio che la scrivania sia in ordine, il desktop pulito, le email lette, ecc… Pianificare dà un senso di sicurezza, di controllo, è come se tu dicessi alla tua mente: ok, stai pianificando, quindi non farai mai un passo falso, niente sconfitte, nessuna difficoltà. In realtà, ogni volta che rimandi quello che devi FARE, ogni volta che rimandi l’AZIONE, perdi. Semplicemente smetti di pensare e agisci. E’ un po’ come la netta differenza che esiste tra scegliere e decidere; quando scegli, in realtà, prendi solo posizione verso una certa cosa… quando decidi, invece… decidi di agire. Decidi di fare!
  • Non fare di un topolino un elefante. Pensare alle cose da fare invece che affrontarle… non fa altro che ingigantirle! Saprai già che il nostro cervello ragiona per immagini, e i nostri pensieri sono il linguaggio delle immagini mentali che produciamo, quindi pensare troppo e male ad una situazione non fa che allargare l’immagine mentale di essa fino ad ingigantirla e renderla pesante. Non è sempre necessario iniziare un’attività pianificando, alle volte sappiamo esattamente cosa fare; e allora… smettila di sovra riscaldare gli ingranaggi della tua testolina ed inizia a fare quello che devi fare.
  • Fai un passo dopo l’altro. Quando definisci un obiettivo pensare alla mole di lavoro da svolgere spesso ti scoraggia. Troppe ore di lavoro, troppe analisi da fare, TROPPO… quale ‘è la nostra prima reazione in questi casi?! La più comune è abbandonare il FARE, cioè mettersi in attesa che qualcosa accada per darci la spinta e perdersi in attività “comode”, alla portata del momento, facili da gestire sia in termini di tempo sia, spesso, anche emotivamente. Per non cadere in questa trappola è necessario concentrarsi sul qui ed ora. Fai il primo passo nella direzione di ciò che vuoi fare. Una volta che avrai sconfitto l’inerzia iniziale tutto scorrerà più facilmente. Da qui si passa al passo successivo e dopo ancora e ancora, fino al raggiungimento del tuo obiettivo. Del resto, per correre una maratona non si comincia pensando al primo chilometro da percorrere ma… a quali scarpe indossare! Giusto ?! ;-)
  • Fai prima le cose più difficili. Grande pietra miliare del tema della Gestione del Tempo! Iniziare dalle attività più difficili, non solo è un’ottima tecnica di gestione del tempo, ma è anche un eccezionale strumento per combattere la procrastinazione. Si dice infatti che le cose più difficili siano anche le più faticose da mangiare giù…;-) eppure la natura ci insegna che nel grande ci sta sempre il piccolo, ma nel piccolo non ci può stare il grande … a meno di grossissimi sforzi innaturali. Ecco quindi che in un’attività dove hai la tendenza a procrastinare decidere di fare per prima le cose più difficili ti fa da apripista a tutte le altre che verranno, rendendoti il resto del cammino più veloce e diretto alla meta.
  • Abbandona le scelte e… DECIDI. Il tema della decisione è già emerso poco fa… eh sì perché quando la nostra mente vaga per ore nel modo delle scelte possibili, che come tali per definizione sono infinite, è come se la nostra mente rimanesse in un limbo statico e compromettente. Prendere una decisione chiara e netta significa creare uno spartiacque tra il prima e il dopo, significa passare il guado… significa decidere cosa fare, quindi stai già facendo il primo passo per AGIRE.
  • Non avere paura. Abbiamo detto che indagare le ragioni per le quali tendiamo a procrastinare non serve; tuttavia, è bene spendere qualche parola sul fatto che spesso dietro alla procrastinazione c’è la paura di affrontare una certa attività; spesso si tratta della paura di sbagliare, di non essere all’altezza, di non decidere per la cosa più giusta, etc … nell’ambito del Mental Coaching questo genere di patologia si chiama… farsi delle seghe mentali! È molto comune anche questa, ma è anche molto facile guarire!;-) La paura in questo caso non è positiva perché ti blocca; se ci si trova in questa situazione di stallo in realtà è come perdersi il gusto delle cose, perché non saprai mai se avevi ragione o no, non saprai mai se sei bravo o no, non saprai mai se sei all’altezza o no… se non ti butti! È come quando non si fa il bagno al mare per paura di bagnarsi i capelli ;-) (tipico esempio femminile;-)… eh ma cavolo, fatti quel bagno e goditi il mare! Intendo dire che c’è sempre tempo per avere rimpianti, mentre c’è pochissimo tempo per essere felici dei propri risultati, felici di sé stessi… e allora buttati! Non avere paura! Scoprirai che il coraggio paga e insegna molto meglio di tante altre esperienze di vita.

Trovo che questi consigli siano molto pratici per iniziare la tua lotta contro la procrastinazione.

Scrivere questo articolo è servito tanto anche a me per “ripassare” alcune di queste trappole quotidiane a cui inesorabilmente veniamo indotti. Forse non sarà immediato da domani evitare così tranquillamente la procrastinazione, e allora una buona abitudine potrebbe essere quella di scriverti queste semplici regole, come ho fatto io, e fartele trovare sempre davanti agli occhi nei momenti in cui ti servono, in ufficio, a casa, in auto nello specchietto retrovisore… insomma scrivi, memorizza, fai tue queste indicazioni e personalizza questi consigli; tienili ben presenti davanti ai tuoi occhi, falli diventare immagini mentali che non potrai mai più dimenticare!

Prima di salutarti voglio farti riflettere anche su un’altra cosa; quando ho deciso di scrivere questo articolo mi trovavo proprio in un momento di procrastinazione… hehehehe;-) Gran parte dello stress presente nelle nostre vite è spesso legato a questioni aperte.  Anche se non ne sei del tutto cosciente, in questo momento ci sono situazioni e/o questioni irrisolte che stanno succhiando la tua energia mentale e fisica. Ciò che mi stava generando stress poco prima di scrivere questo articolo… era proprio scrivere questo articolo! ;-) La vita alcune volte ti prende per la gola… lavoro, famiglia, amici, matrimonio (bhè questa cosa prende per la gola me in questo momento;-), che spesso ti blocchi tra il scegliere e il decidere di fare una certa cosa. Ebbene, ho riflettuto su questa condizione e ho deciso di agire… ed ecco che in un attimo ho scritto questo articolo proprio sull’onda delle mie emozioni! È chiaro che ciò non significa che sia sempre bene finire tutto quello che è sospeso, alle volte aiuta anche il poter meditare sulle cose… e farle meglio in un secondo momento; tuttavia, è vero che se impari a completare le attività importanti che inizi, la parola procrastinazione svanirà per sempre dal tuo vocabolario!

Ricordi? Ero così fiera di averla aggiunta al mio ;-)

Oggi, però, sono ancora più fiera di aver trasformato il mio disagio in un piccolo successo quotidiano, sperando di aiutare qualcuno di voi a riflettere sullo stesso tema e decidere di smettere di procrastinare!

In bocca al lupo per i tuoi innumerevoli e piccoli successi quotidiani!

9 commenti a:
Coaching: Semplici regole contro la PROCRASTINAZIONE!

  1. mercoledì 29 agosto 2012 alle 9:34
    Silvia Tomba

    Buongiorno!

    si procrastina??! ma sii…forse un pochino ;-)
    Fatemi sapere cosa ne pensate delle mie regole e se potranno esservi utili!
    Buona giornata a tutti!

    • mercoledì 29 agosto 2012 alle 15:45

      Gia! Procastinare …
      Si, lo ammetto anch’io ogni tanto mi ci perdo e me la racconto con “una serie di pensieri inconcludenti”…quindi lavorerò su questa prima regola e poi mi immaginerò tanti bei topolini che spaventeranno gli elefanti ciccioni…e già così mi sto rimettendo in riga !!!
      Grazie!

  2. giovedì 30 agosto 2012 alle 6:55
    Silvia Tomba

    Ehhh già Lori, hai ragione! che bel modo che hai di rimetterti in riga! ;-) tanti bei sogni e viva i topolini!
    un abbraccio

  3. venerdì 31 agosto 2012 alle 11:29

    Grande Silvia,
    ma che magnifico articolo…quanto mi ci ritrovo in quello che hai scritto, a volte credo di essere il principe della procastinazione. ;-) Certo ora con i tuoi semplici e pratici consigli sarà più semplice agire velocemente.

    Un abbraccione :-)

    • venerdì 31 agosto 2012 alle 12:40
      Silvia Tomba

      Grazieeee Claudio! è proprio un tema caldo…tutti i giorni!^_^
      Grazie del tuo supporto e della tua presenza!

      un abbraccio a te ;-)

  4. Pingback: Esitazione ed Eccellenza: fare o non fare? | Ekis Coaching

  5. mercoledì 9 aprile 2014 alle 15:13
    Carlo

    Articolo interessante e scritto bene. I miei complimenti.

  6. domenica 12 luglio 2015 alle 23:52

    I hate my life but at least this makes it beaabrle.

  7. mercoledì 9 marzo 2016 alle 9:52
    Francesca

    Inizio questo commento, dicendo che ho scoperto questa patologia leggendo per caso un libro…..Sono una laureanda in giurisprudenza, media alta, ultimo esame che sposto nel tempo ormai da anni che non si contano più. Mamma felice, moglie ma dentro di me, nonostante tanti soldi buttati per le tasse universitarie, non sono mai riuscita a mettere un punto.Questo articolo mi è servito, spero di mettere in pratica quello che ho letto, anche se tardi bisogna chiudere le porte lasciate aperte. grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE