Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

Come i Social Media mi hanno cambiato il lavoro… e la vita!

Scritto da Francesco Fornaro il 17 ottobre 2012, in Business Coach, Coaching
Social media e coaching

Ciao a tutti!

Avete mai notato che esistono, per ognuno di noi, alcune parole magiche che hanno poteri straordinari quando giungono al nostro orecchio? Non sono semplice aria che vibra, ma contengono una forza e un significato tali che, qualsiasi cosa stiamo facendo quando ci colpiscono, riescono a catturare immediatamente la nostra totale attenzione.

Alziamo la testa, spalanchiamo gli occhi e siamo pronti ad ascoltare tutto ciò che verrà dopo!

Una di queste parole è, per me, il termine social.

Quando sento pronunciare da qualcuno qualcosa come social media, ecosistema social, piattaforma social… non resisto e devo assolutamente saperne di più.

Sarà perché sono un grande appassionato del web, che intendo come uno spazio sconfinato dove conoscersi, confrontarsi, discutere, arricchirsi. Oppure perché non perdo occasione di collaudare e studiare praticamente ogni novità che il mondo dei social media propone. Ho aperto il primo account su Twitter a fine 2006 (appena 5 mesi dopo la nascita del servizio), sono presente su Facebook con una pagina pubblica e un profilo privato, raggruppo foto di ciò che mi piace con Pinterest, ogni giorno pubblico almeno una foto su Instagram che riguardi la mia vita o il mio lavoro e sono costantemente in sfida con alcuni amici su chi utilizza meglio Foursquare… insomma, a me questo modo di interagire, divertirmi e fare marketing online piace da morire ed è parte integrante delle mie giornate.

Quando il mitico Zio Giuse mi ha chiesto di scrivere un articolo per parlarti dei social media come li intendiamo qui in Ekis, non ho avuto bisogno di pensarci neppure un secondo per dirgli: !

Parliamo di una mia grande passione e scrivere delle proprie passioni è sempre un grande piacere.

Ci crederesti se ti dicessi che una presenza online appassionata, organizzata e curata come la mia è stata in grado di migliorare radicalmente il mio rapporto con i clienti che seguo nel coaching o su altri progetti? E mi ha aiutato a trovarne di nuovi e relazionarmi con persone che altrimenti non avrei mai incontrato?

È andata esattamente così. A volte qualcuno mi fa notare, quando sono in giro per la mia amata Torino, in hotel per lavoro, in auto con un collega che guida, a casa di amici, che passo troppo tempo a twittare, aggiornare profili, pubblicare foto, rispondere ai contatti. Forse posso sembrare un po’ distratto, ma in realtà sto lavorando e sto guadagnando tempo rispetto a quanto ne avrei a disposizione se un’opportunità come Twitter non esistesse o non fosse così ben sviluppata. E ti sto citando Twitter perché è quello che più mi coinvolge, ma il ragionamento vale per tutte le altre piattaforme…

Qualche settimana fa stavo raccogliendo le idee e svolgendo una ricerca personale per rispondere a queste domande:

  • Da dove provengono i miei contatti?
  • Come mi trovano i miei clienti?

Con mia sorpresa (anche se una parte di me se lo aspettava) ho notato che nonostante io curi due siti web molto frequentati, gestisca liste di decine di migliaia di contatti e faccia molto affidamento sul passaparola lavorando con l’obiettivo di avere “in giro” solo persone estremamente soddisfatte del lavoro svolto con me…

  • Più del 60% dei miei clienti per il coaching nel 2012 mi ha contattato grazie e tramite Twitter.

Non è pazzesco? Parliamo di oltre la metà delle ore lavorate e quindi, come puoi immaginare, di più della metà del mio fatturato.

E poi Giuse mi chiede di scrivere in che modo il web mi ha cambiato la vita! :) Troppo facile Zio… ecco in che modo!

D’altra parte… su Twitter pubblicizzo e distribuisco i miei articoli, parlo del mio lavoro, pubblico estratti di momenti importanti vissuti con i miei clienti quando superiamo insieme un ostacolo e vinciamo una sfida… tu non saresti curioso di leggermi?

E se in mezzo a tutto questo trovassi anche alcune riflessioni che possono aiutare anche te ad allargare la mappa del mondo e trovare soluzioni a ciò che non ti piace… più tutto il “lato umano” che mi caratterizza… più la possibilità, se sei già cliente, di avere assistenza quando occorre… non sarebbe forse più facile capire chi hai veramente di fronte e decidere se ti piace oppure no?

O vuoi farmi credere che è più affidabile un banale cartello pubblicitario o uno spazio comprato su un qualsiasi sito web, dove scrivi solo ciò che vuoi tu, non c’è interazione e nessuno può farti domande (magari scomode) per approfondire?

Una banale e fredda immagine del prodotto o della persona che ti viene sparata in faccia, che non puoi approfondire, indagare, studiare… preferisci comprare a scatola chiusa o sapendo esattamente che cosa ci troverai dentro?

La verità è che:

  • tu sei la migliore pubblicità possibile di te stesso e il mondo dei social media ti permette non solo di farti trovare, ma anche di farti conoscere.

E più gli altri ti conosco, più è probabile che riescano a capire che cosa puoi fare per loro e magari affidarsi a te per un lavoro di consulenza, per comprare un tuo prodotto, per scegliere il tuo negozio online e offline oppure solo per contattarti e cominciare a conoscerti ancora meglio… e chissà che cosa può nascerne. Tutto questo non accadrebbe se tu online non fossi rintracciabile o se fossi presente nel modo sbagliato.

E non vale certo solo per Twitter! Forse non lo sai… ma non esiste più la ricerca di lavoro “classica”, quella per cui si inviava un curriculum vitae e poi si riceveva una chiamata per fissare un colloquio. Adesso le aziende ti cercano su Facebook o Linkedin, leggono di te, di cosa si dice di te, di quanto viaggi e perché, cercano recensioni, guadano le foto, analizzano anche i tuoi amici e in base a questo creano un profilo per capire se chi hanno davanti fa al caso loro oppure no. Ho un amico a Londra che svolge esattamente questo lavoro e credimi: sono certosini nella ricerca e il mercato è in piena crescita in questo senso.

E non basta dire “tanto io su Facebook non ci sono”.

Sai perché? Perché esserci è in realtà un vantaggio, è una risorsa. Non esserci può essere un limite alle tue possibilità di venire scelto. D’altra parte, se tu fossi un imprenditore e dovessi limitare al minimo la possibilità di selezionare un collaboratore sbagliato, preferiresti assumere qualcuno di cui già sai qualcosa o un emerito sconosciuto che ti dice solo ciò che vuole dirti?

Andrei avanti per ore a parlarti di social media e di quanto possono essere utili per te, che tu sia un libero professionista, un coach, un formatore, un lavoratore dipendente che vuole crescere, un giornalista, un commerciale, un atleta e così via…

Ma ho già davanti agli occhi l’email di Giuse che mi dice rimproverandomi “Taglio il tuo articolo perché è troppo lungo…” e quindi… devo chiudere! :)

Però prima ti faccio vedere una cosa.

Con il team di Ekis abbiamo preparato un percorso straordinario dove ti spieghiamo tutto quello che devi assolutamente sapere sulla tua presenza online.

PROMUOVERSI ONLINE

  • I° Modulo: 16, 17 e 18 novembre 2012;
  • II° Modulo: 7, 8 e 9 dicembre 2012;
  • A Reggio Emilia, Hotel Classic Best Western.

Imparerai:

  • Cosa usare e come farlo;
  • Che errori evitare come la peste;
  • Come gestire critiche e commenti;
  • Come diventare “virale”;
  • Come gestire al meglio le tue liste di contatti;
  • Come produrre contenuti di qualità che catturano l’attenzione;
  • … e molto altro… e intendo davvero molto, MOLTO altro! :)

Se questi argomenti ti appassionano e se riesci a capire l’importanza che possono avere per te, per la tua vita e il tuo lavoro… vai a leggere qui e troverai ciò che stai cercando.

E ricordati di seguirmi su Twitter per vedere che uso ne faccio io e di commentare l’articolo se hai domande… ti risponderò sempre con grande piacere!

Alla prossima e un abbraccio.

2 commenti a:
Come i Social Media mi hanno cambiato il lavoro… e la vita!

  1. martedì 23 ottobre 2012 alle 11:05

    Ciao Francesco,
    dopo aver letto questo tuo bellissimo articolo ho deciso di riattivare il mio account facebook bloccato da quasi un anno e mezzo…

    Grazie dei preziosi consigli

    Claudio

    • martedì 23 ottobre 2012 alle 11:55

      Ciao Claudio,

      ottimo! :)
      Grazie per le tue parole. Usando Facebook nel modo giusto puoi lavorare meglio perché da una parte dai modo a chi ti contatta di cominciare a conoscerti, dall’altra tu stesso puoi raccogliere informazioni utili per fornire il miglior servizio di coaching sulla base delle esigenze dei clienti.
      Ciao!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE