Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

Credere di farcela è fondamentale! #ImparaDaiCampioni

Scritto da Giuseppe Montanari il 24 marzo 2014, in Coaching, Eccellenza, Leadership, Life Coach, Motivazione
credere di farcela è fondamentale imparadaicampioni

Qualche giorno fa ci è arrivata questa mail.

Racconta una storia vera. Una storia di difficoltà e di successo. Una storia raccontata dallo stesso protagonista.

Non c’è bisogno di altre parole,  perchè è perfetta di per sè.

Nella notte fra il 5 ed il 6 marzo 1992 la mia vita è completamente cambiata per colpa di un incidente automobilistico che mi ha pesantemente condizionato e segnato al di là delle conseguenze fisiche a tutt’oggi evidenti e irrimediabili.
Ho un vuoto di memoria di dieci minuti prima dell’urto e di dieci giorni in rianimazione, ma ben presenti i successivi mesi fatti di dolore.
Sono passati 22 anni e qualche giorno. Ho provato qualche volta ad immaginare come sarebbe stata la mia vita se quella notte non fosse successo niente, ho anche pensato che magari il successivo appuntamento con il destino sarebbe stato invece definitivo, nel peggiore dei significati.
So che ho sofferto molto per terapie sbagliate, che dopo neanche un anno dall’incidente mi prospettavano un giorno sì e uno no l’amputazione di una gamba. Ricordo il male fisico e cure perfino improvvisate e senza anestesia, con lame che aprivano e tranciavano e inutili medicine per bloccare l’infezione contratta in sala operatoria.
E ricordo l’ultima visita, quando esaminando quella ferita che si era rimarginata nel giro di pochi giorni il dottore mi chiese se ero credente.
Pensai al peggio, mentre lui guardava l’ultima lastra scuotendo la testa. Invece disse: «Lei è guarito, ma non so come. Il suo caso mette in discussione trent’anni delle mie competenze e delle mie conoscenze in materia. Per me è un miracolo».
Forse il miracolo era all’inizio, dall’essere uscito vivo da quel terribile groviglio di lamiere.
Perché lo rievoco dopo tanto tempo e lo faccio solo in parte?
Perché dopo tanti anni e in un periodo oggi non certo felice della mia vita, mi ricordo di come ho reagito allora quando tutti intorno a me erano pessimisti e l’idea primaria poteva essere che tutti quei laceramenti alla gamba destra erano più per prolungare che per risolvere.
In quel periodo, fra tre ospedali diversi in Italia, con terapie diverse, dalla camera iperbarica all’autovaccino, decisi che non dovevo lasciarmi andare e che non avrei mollato, che dovevo e potevo crederci solo io nella guarigione.
E allora dicevo a tutti che stavo bene, ma se i primi giorni era una scusa poi era diventata una realtà: io stavo meglio.
E stavo vincendo.
Le mie parole non sono una ricetta assoluta per un elisir di miracoli, però ora mi è venuto spontaneo riproporre il concetto: credere di farcela è fondamentale, abbandonarsi è una sconfitta di partenza. E lo dice un uomo di sport.
Tornavo da una trasferta di lavoro, quella notte del 1992, avevo 31 anni e prospettive di brillante carriera.
Dopo quell’incidente sono diventato un giovanissimo direttore, ho girato il mondo in lungo e in largo, ho avuto la fortuna di assistere sul posto a tre Olimpiadi. La carriera è stata brillante, nonostante le conseguenze di quella notte. Perché in tante notti successive, io non ho mai smesso di credere che sarei guarito ed è stata una vittoria che penso valga una medaglia d’oro, con la differenza che ai Giochi vince uno solo e ogni quattro anni. Nella vita, può capitare tutti i giorni.

-Franco Montorro- (Giornalista sportivo)

Franco ha chiesto di essere definito “Giornalista Sportivo“, ma è stato un’Atleta che ha vestito il Tricolore.

Nella vita (avere successo ndr), può capitare tutti i giorni“. Questa frase fa capire l’umiltà di Franco, anche se la parola “capitare” non è apprpriata: lui ha lottato con tutto se stesso, giocando per vincere.

Ecco perchè abbiamo creato #ImparaDaiCampioni: per condividere con più persone possibili gli strumenti e le strategie che chi ottiene (o ha ottenuto) successo nella vita, per renderle alla portata di chiunque.

===========================================
IMPARA DAI CAMPIONI

 - Padova: 12 e 13 aprile;

 - Roma: 24 e 25 maggio;

 - Reggio Emilia: 21 e 22 giugno.

Costo € 75 + iva.

Per info ed iscrizioni:

http://www.ekiscoaching.it/imparadaicampioni/

===================================

Il Team Ekis

4 commenti a:
Credere di farcela è fondamentale! #ImparaDaiCampioni

  1. martedì 25 marzo 2014 alle 11:51
    petrica

    CURAGIO, credere a farcela, obiectivi e desiderio, fa di qualunque persona un campione!

  2. martedì 25 marzo 2014 alle 21:57
    Laura Capone

    Si. È vero, leggendo le esperienze vissute dai campioni si diventa un po più forti anche noi!

  3. mercoledì 26 marzo 2014 alle 11:23
    petrica

    Si, e vero! Quando ti mete nella mente un esempio, piano, piano, secondo il della tua volontà, arrivi nello stesso punto, o più lontano ancora.

  4. venerdì 4 aprile 2014 alle 17:41
    Lina

    Già da molto tempo, i vari corsi con la Ekis mi hanno fatto superare paure e ansie.Grazie a questi corsi vari negli anni e il mio approfondimento personale della psicologia quantistica mi hanno fatto diventare la persona che sono oggi.Ogni persona ha dentro di se la possibilità di ottenere ciò che desidera, ed essere quello che vuole essere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE