Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

Feeling Coach

Scritto da Andrea Cannavacciuolo il 13 marzo 2013, in Coaching, Eccellenza, Life Coach, Motivazione
Feeling Coach

Lavorando quotidianamente nel mondo del coaching, ho la possibilità di riscontrare con costanza la correlazione strettissima tra qualità dello stato d’animo e risultati.

L’espressione sintomatica che una “mia” assistita si è tatuata sulla pelle è “Yougetwhatyoufeel”.

Purtroppo è diffusissima la tendenza a mettere l’attenzione su ciò che non funziona, su ciò che manca piuttosto che rilevare e “catturare” da eventi ,situazioni ,incontri, l’essenza evolutiva e l’aspetto più funzionale al percorso verso obiettivi interessanti.

L’oggetto del Focus attiva pensieri e di conseguenza emozioni  congruenti che a loro volta determinano la qualità del feeling, che in un inevitabile “domino” condizionano lo stato d’animo.

Come possiamo dunque, determinare volontariamente la polarità del nostro stato d’animo?

Una delle modalità più immediate è proprio la scelta di impermeabilità a tutti gli” attacchi”  usando il “setaccio”. Selezionando alla fonte tutto ciò che intorno a noi non è funzionale ai nostri obiettivi, dai più imminenti i e quotidiani, a quelli supremi anche a lungo termine.

http://www.ekiscoaching.it/life-coach/senso-di-colpa-digli-addio-con-il-tuo-life-coach/

Un’altra è dare il giusto significato a eventi e situazioni contingenti.

Per esempio, soffermarsi a  discutere con un automobilista su una mancata precedenza è funzionale alla mia puntualità?

Innescare un loop di domande relative all’umore del capo ( ha una faccia strana, sarà arrabbiato? Ho fatto qualcosa che non va?), può inficiare la mia produttività?

E’ l’atteggiamento nei confronti delle cose vedendole da più punti di vista che conferisce loro il giusto significato, trasformando spesso un potenziale freno in possibile “pulsante” di un reattore!

Spessissimo dietro un disagio si nasconde  un evento piacevole, spesso un’opportunità; fondamentale è la predisposizione a vedere le cose da più punti di vista.

Questo comportamento conferisce molta più corresponsabilità sugli eventi, è molto più vicino alla espressione “makehappen” piuttosto che…”succede” ci fa sentire e essere decisamente più protagonisti del film della nostra vita piuttosto che spettatori…

Un altro potente strumento è la capacità di porre e soprattutto porsi, dei giusti quesiti.

E’ per esempio usuale, quando si è alle prese con una cattiva notizia, chiedersi: può succedere anche a me?

Siamo capaci di porci lo stesso interrogativo nell’ apprendere una buona notizia? :)

Che effetto può fare passare dal ruolo di spettatore a quello di protagonista grazie al solo POTERE di una semplice DOMANDA?

Forse uno stato di benessere?

Inoltre vivere costantemente in uno stato di “good feeling” innesca un effetto boomerang positivo, un vortice contagioso e autorigenerante

Cosa ne dite di provare?

3 commenti a:
Feeling Coach

  1. mercoledì 13 marzo 2013 alle 17:36
    Carla

    Il ” setaccio “, sono alla continua ricerca di come metterlo in pratica dive lavoro!!! Perché sono circondata da persone che sembrano nate per rovinare la felicità altrui con ogni mezzo. Ma anche se la strada e’ lunga e tortuosa non mi manca quella predisposizione di cui parli per vedere da più punti di vista le opportunità di riscatto! Certo che a volte anch’ io ci metto del mio ( il loop di domande e’ un classico !!) ma ne sono consapevole ed è un passetto avanti!!! Voglio l’ effetto boomerang di un comportamento positivo che costantemente metto in pratica e puntualmente viene combattuta. Ma qualcuno gia si fa’ qualche domanda!!! Articolo spettacolare che fa riflettere tanto!! Grande coach !!!! Carla

  2. mercoledì 13 marzo 2013 alle 17:40
    Carla

    Il ” setaccio “, sono alla continua ricerca di come metterlo in pratica dove lavoro!!! Perché sono circondata da persone che sembrano nate per rovinare la felicità altrui con ogni mezzo. Ma anche se la strada e’ lunga e tortuosa non mi manca quella predisposizione di cui parli per vedere da più punti di vista le opportunità di riscatto! Certo che a volte anch’ io ci metto del mio ( il loop di domande e’ un classico !!) ma ne sono consapevole ed è un passetto avanti!!! Voglio l’ effetto boomerang di un comportamento positivo che costantemente metto in pratica e puntualmente viene combattuto. Ma qualcuno gia si fa’ qualche domanda!!! Articolo spettacolare che fa riflettere tanto!! Grande coach !!!! Carla

  3. venerdì 28 giugno 2013 alle 22:43

    Post writing is also a excitement, if you know then you
    can write or else it is difficult to write.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE