Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

La Serie A saluta l’Eccellenza… ma rimane il SOLCO da seguire!

Scritto da Giuseppe Montanari il 23 maggio 2012, in Eccellenza
Alex Del Piero… un simbolo dell’Eccellenza calcistica e personale

Domenica 13 maggio 2012 è stata un giorno molto bello e triste allo stesso tempo… sì perché si è celebrato il ritorno alla vittoria della Juve (mia squadra del cuore) ma anche l’addio di CAMPIONISSIMI come Inzaghi, Gattuso, Zambrotta, Di Vaio, Seedorf, Nesta… e CAPITANO MIO CAPITANO… Alex Del Piero.

Quando la Juve scese in B nel 2006, mi ripromisi di andare a Torino non appena sarebbe tornata a vincere lo scudetto. Purtroppo non ho potuto mantenere questa promessa (ma presto andrò) però sono contento di essermi potuto gustare in toto questa domenica magica.

Ho pianto… sì ho pianto… perché questi ragazzi mi hanno regalato EMOZIONI UNICHE… 5 di loro hanno alzato la Coppa del Mondo a Berlino il 9 luglio 2006 e tutti sono stati AVVERSARI fortissimi… e come dice il saggio: “La mia forza è data dal valore dei miei avversari” e Più grande è la lotta… più glorioso è il trionfo”

Gattuso poco dopo la sua ultima partita con la maglia del Milan ha detto:

Oggi il calcio non solo perde dei campioni… ma soprattutto perde degli UOMINI DI VALORE

E io sono totalmente d’accordo con lui…

Quei ragazzi hanno capito di avere un dono, di avere del talento … ma hanno anche capito che da solo no basta e serve fatica, olio di gomito e più di 10.000 ore di allenamento!

Quei ragazzi hanno capito di essere un ESEMPIO per tantissimi bambini.

Quei ragazzi hanno capito che in capo potevano realizzare non solo i loro sogni … ma quello di milioni e milioni di persone che non hanno avuto il loro stesso privilegio.

… credo sia proprio per questo che la gente e i tifosi di qualsiasi maglia gli hanno dedicato cori, applausi, lacrime… hanno reso ONORE ai propri eroi!

Bene… voglio prendere ancora Esempio da questi campioni e capire il “What’s the lesson?”.

Ciò che vedo io è che quei ragazzi non hanno fatto tutto ciò che hanno fatto per ricevere una giornata di ADDIO… ma quello è stato il naturale GRAZIE che le persone gli hanno tributato.

Ciò che vedo io è che quei ragazzi hanno fatto tutto non solo per loro stessi… ma per un MOTIVO più grandedare gioia a chi credeva in loro, dare felicità a chi aveva un lavoro duro e poco gratificante, regalare sorrisi a chi aveva situazioni familiari difficili o non riusciva ad arrivare a fine mese… trasmettere la voglia di ANDARE OLTRE!

Sì, quei ragazzi hanno realizzato dei miei sogni… e nelle loro vittorie un po’ ci sono anche io… un po’ le sento mie.

Sì, quei ragazzi mi hanno ispirato e dato forza per inseguire i miei sogni… e nei miei successi, nelle mie conquiste… un po’ ci sono anche loro!

Ma… nei miei successi e nelle mie conquiste non ci sono solo loro… ma…

Ci sono tutte quelle persone che ogni giorno si impegnano con tutto sé stessi per ottenere ciò che vogliono.

Ci sono tutte quelle persone che, nonostante tutto, non si perdono d’animo e vanno avanti.

Ci sono tutte quelle persone (famose e non) che se ne fregano di ciò che gli dicono gli altri, che se ne fregano della fatica, che se ne fregano degli insuccessi… che se ne fregano di un’annata storta e pensano già a come far sì che la prossima sia un successo.

E personalmente credo che tu, io… e tutte le persone che inseguono (e hanno inseguito) il proprio sogno con costanza e tenacia e soprattutto FACENDO LE COSE… siamo stati d’esempio a qualcun altro e gli abbiamo dato quel qualcosa per fare quel passo in avanti.

Forse non ci tributeranno un applauso di 20 minuti, o striscioni, o targhe… o medaglie… magari a noi no… ma se grazie al nostro esempio aiuteremo qualcuno a trovare quel qualcosa dentro di sé per andare oltre? Quanto è bella questa cosa??!!!

E se quel qualcuno decidesse di giocare a calcio (o a qualsiasi altro sport) e diventare un esempio per altre persone… quanto sarebbe bello vedere migliaia di persone tributargli il loro ringraziamento?? Quanto bene mi farebbe sentire??!!!

Non so se tutto questo accadrà… ma la cosa bella è che potrebbe succedere e il più grande strumento in mio possesso per farla accadere è andare avanti per la mia strada con fiducia e voglia.

Sono certo che su quella strada incontrerò persone che mi ispireranno e altre che ispirerò… quando si va nella direzione dei propri sogni e obiettivi… si entra NEL FLUSSO… e TUTTO SCORRE!

… perché forse

… non avremo classe… ma abbiamo gambe e fiato finché vuoi… (cit. Liga)

Keep Running.

26 commenti a:
La Serie A saluta l’Eccellenza… ma rimane il SOLCO da seguire!

  1. mercoledì 23 maggio 2012 alle 14:07
    gabriele bani

    Emozioni forti, nel mio “mondo”, il basket, ho chiara e in mente il saluto e l’introduzione nella HALL OF FAME di MICHEAL JORDAN, il suo discorso finale (http://www.youtube.com/watch?v=XLzBMGXfK4c)..se non sapete l’inglese o avete poco tempo vi posto anche una pillola con gli ultmi 2 minuti del suo discorso (http://www.youtube.com/watch?v=34atkahhMv0) si possono mettere i sottotitoli in italiano. Campione è uno stile di vita, coerente!!! Aveva talento, ma fu rifiutato dal suo primo coach e invece di mollare, DISSE “Quando avevo 15 anni, il coach del mio liceo non mi fece entrare in squadra e scelse uno 20 cm più alto di me…decisi che una cosa del genere non sarebbe mai più capitata.” Ci sarebbero aneddoti per andare avanti una notte ma questi già bastano per far comprendere la grandezza anzi concludo con l’ultimo giusto per chiudere in bellezza “Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto” MJ

    • mercoledì 23 maggio 2012 alle 14:22

      Fantastiko Gabry!!

      Grazie mille per il commento e soprattutto per la qualità degli spunti che hai condiviso!!

      FAN-TA-STI-CO!!!

    • mercoledì 23 maggio 2012 alle 14:24
      gabriele bani

      A TUTTA VITA!!!

  2. Pingback: Un bel tacer non fu mai scritto | Coaching Break

  3. giovedì 24 maggio 2012 alle 17:17
    stefano fioccardi

    Grandissimo pezzo condivido le stesse sensazioni ed emozioni.
    e allora beccati questo
    http://www.youtube.com/watch?v=H1UA56XzrXQ
    Grazie coach Giuse

    • venerdì 25 maggio 2012 alle 7:37

      Hemmm… bellissimo Ste davvero… da mettersi a piangere. Ogni singola parola è arrivata dritta al cuore.
      Bellissimo!!!
      Poi da uno che sul suo prfilo FB ha una foto in campo con la fascia… non potevo che aspettarmi un qualcosa di banale!
      Grazie mille Ste!

  4. giovedì 24 maggio 2012 alle 20:01
    Taty

    Bellissimo articolo Giuse !!! Mi hai fatto piacere perfino il calcio ! Non ci avevo mai pensato in questi termini …

    • venerdì 25 maggio 2012 alle 7:39

      Hehehe…
      Che bella cosa che mi hai detto Taty!!!!
      Non era mia intenzione fare uno SPOT al calcio… ma volevo partire da lì e da sensazioni che conosco bene per trasmetterene delle altre che esulano dal mondo del calcio e dello sport in generale!!!

      Quindi sono molto contento di averti fatto vedere le cose da un altro punto di vista!! Grazie mille!!!

  5. venerdì 25 maggio 2012 alle 8:29

    a proposito di DEL PIERO e della sua capacità di ispirare

    mi ricordo che venti anni fa il mio ex-suocero-virtuale da Conegliano teneva appeso alle pareti della cantina un poster della squadra del San Vendemiano quando Alex militava fra le sue fila

    secondo me veglia ancora sulle bottiglie di prosecco, cabernet, manzoni, malbec, …

    • venerdì 25 maggio 2012 alle 8:42

      Mammamia quelle bottiglie… chissà ke buone ke devono essere!!!!!!!!

      Grazie mille per il commento!!!! :-D

  6. venerdì 25 maggio 2012 alle 8:45

    chissà quante sono state stappate per consolare le lacrime dell’addio …

    considera che Tojo è tifoso della Fiorentina, un’isola viola fra gli argini del fiume Monticano

    • venerdì 25 maggio 2012 alle 8:59

      Hehehehe… anke quante ne sono state stappate per i pessimi risultati dei Viola di quest’anno!!!!! :-D

  7. venerdì 25 maggio 2012 alle 9:03

    non so se si capisce … ma ogni motivo è valido per stappare!

    … nella gioia e nel dolore, nel salute e nella malattia …

    ti è già entrata in testa la formula?

    ankora pokki! una battuta da naioni che forse non hai conosciuto … e giù di stekka!

    • venerdì 25 maggio 2012 alle 9:28

      Hahahaha… sei fortissimo!!!!

      Diciamo che la formula ce l’ho abbastanza in testa… non so come mai… ma è lì è lì!!! :-D

      E quella sera si stappaaaa… infatti ho preso due fotografi…perchè dove non arriveranno i ricordi, ci saranno le foto :-D

  8. Pingback: I tuoi successi a portata di Allenamento Mentale | Coaching per te

  9. Pingback: Gli occhi della tigre | Coaching Break

  10. Pingback: I Want You! | Coaching Break

  11. Pingback: Mental Training e Spirito Olimpico | Coaching per te

  12. Pingback: Concorrenza… ke Figata! | Coaching Break

  13. Pingback: Tecnica a tamburo | Coaching Break

  14. Pingback: NYC Marathon 2013… SI o NO? | Coaching Break

  15. Pingback: Corri... C@770... CORRI! | Coaching Break

  16. Pingback: Fiducia ed Orgoglio | Coaching Break

  17. Pingback: Formazione, Risorse umane, team building, programmazione neuro linguisticaUn esempio di Allenamento Mentale4936

  18. Pingback: Maremma-Maya... | Coaching Break

  19. Pingback: Fare la cosa giusta... | Coaching Break

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE