Benvenuto nel mondo del coaching
e dello sviluppo personale!

Crescere e migliorarsi rappresenta uno dei bisogni superiori che tutti noi sentiamo la necessità di soddisfare.

La nostra missione è aiutarti a farlo offrendoti i migliori strumenti e metodologie oggi disponibili.
Programmi relativi a comunicazione, leadership, vendita, motivazione, autostima e eccellenza,
benessere e salute, ipnosi, coaching,
tecniche di memoria e lettura rapida,
PNL (Programmazione Neuro Linguistica), e molto altro.
Da noi troverai energia, esperienza, competenza e professionalità, ma soprattutto, ciò che ci contraddistingue da sempre: la nostra passione.

Crediamo nel valore umano e nelle sue immense risorse e quindi… crediamo in te!

Rimuovi i freni nel viaggio verso l’eccellenza

Scritto da Andrea Cannavacciuolo il 11 aprile 2012, in Life Coach
imagesCAGKGCRK

Una grande percentuale di persone con cui lavoro inizia un percorso di life coaching con il proposito di raggiungere l’eccellenza in una o più sfere della sua vita.

Gli step correlati a questo cammino sono perlopiù “cuciture” di un abito molto personale e sovente diventano entusiasmanti sia nel cammino che a conseguimento avvenuto.

Il mio background professionale di preparatore atletico mi porta ad essere sensibile ad un particolare aspetto: la gestione delle energie.

Uno dei freni più frequenti è rappresentato dalla tendenza diffusa a lamentarsi (http://www.pnlekis.com/pnl_hakuna_matata).

Bypassiamo la scontata riflessione sul fatto che il periodo storico che stiamo vivendo “favorisce” la diffusione di questa endemica abitudine e focalizziamo la nostra attenzione su quante volte durante il giorno sentiamo qualcuno, noi compresi, “lagnarsi” di qualsiasi cosa.

Troppo freddo, troppo caldo, il traffico, i prezzi, il governo, le tasse, i familiari, i vicini di casa, i colleghi, i capi, i dipendenti… La mancanza di una cosa, l’eccesso di un’altra…

I lamentosi sono ovunque, siamo circondati!!!

Quindi, uno dei più importanti passi in chiave evolutiva è la presa di coscienza delle conseguenze negative correlate a questo atteggiamento.

Vi anticipo, anche se è come leggere per prima l’ultima pagina di un romanzo :) , che l’eliminazione è spessissimo il primo entusiasmante passo di un percorso di coaching.

Chi si lamenta

  • spreca, disperde energie personali,
  •  “vampirizza” energie altrui,
  • è potentissimamente contagioso,
  • attrae persone con la stessa attitudine.

Cavallette, grandine e carestie fanno meno danni!

Il lamentoso ha un bluetooth perennemente acceso che lo connette con tutti gli altri simili e permea di negatività l’intero ambiente circostante; in fila alla cassa dei supermercati, negli uffici, nelle “sale professori” e nelle aule delle scuole, nel condominio, in un team di lavoro, in famiglia…

Chi ascolta,inizialmente compatisce e quasi naturalmente apre un suo file personale di lamentela,talvolta non necessariamente inerente all’oggetto dell’interlocutore; si innesca così un “domino” che trascende in un loop debilitante per tutti i presenti.

La domanda è: la consapevolezza è sufficiente ad invertire repentinamente la rotta?

C’è un bellissimo proverbio della Nuova Guinea che recita: “la conoscenza è solo una voce che gira finché non entra nei muscoli”.

Uno dei migliori “pulsanti” per un cambiamento istantaneo è legato ad un’azione chiamata interruzione di modulo

Guardate questo video:

Naturalmente questo è valido sia con un interlocutore che con sé stessi!

Il solerte caporeparto del film appare inizialmente brusco, una reazione più ordinaria sarebbe stata compatire la quasi piangente segretaria. In verità quella reazione:“allora vattene” è un vero e proprio “gesto d’amore”. In primis verso se stesso, impedendo di essere derubato di energia e di innescare a sua volta un modulo depotenziante; quindi nei confrontidella stessa ragazza che interrompe, sorpresa, il suo stato d’animo negativo.

L’abitudine a vivere questa situazione crea come una dipendenza biochimica da quel feeling. Offusca e inibisce i recettori di opportunità.

Il personaggio della clip che state per vedere è l’inventore, co-creatore e attuale fruitore di tutti i proventi di uno dei fenomeni economici del secolo:facebook. In questa circostanza era da pochi giorni stato lasciato dalla fidanzata… Pensate cosa sarebbe successo se, anziché essere focalizzato sul suo obiettivo, avesse fatto ciò che tantissimi altri avrebbero fatto al suo posto: piangere.

Il rischio è di agire come questi gatti, corrono tantissimo… A vuoto! :)

Lamentarsi è come bucare deliberatamente una borraccia dell’acqua in un faticoso cammino nel deserto alla ricerca dell’oasi.

Ricordo di aver avuto un fantastico feedback usando questa metafora durante una intensa seduta di team building in uno studio associato di legali.

Abolire consapevolmente la lamentela risultò essere una mossa produttiva, consentì loro di risparmiare e poi reinvestire risorse vitali in funzione di obiettivi personali e di equipe. Un passo importante, un cambiamento.

Buon cambiamento a tutti!

9 commenti a:
Rimuovi i freni nel viaggio verso l’eccellenza

  1. giovedì 12 aprile 2012 alle 13:06

    Grande Kenny!!

    Splendido articolo, il video della gatte è magnifico!!!

    Ps: un teambuildin con uno studio di legali??? Mammamia… ke incubo!! :-D

  2. giovedì 12 aprile 2012 alle 17:22
    Gigi

    Fantastico…. Vorrei sviluppare degli inibitori di lamentele!!! Ne avrei bisogno, giuro.

    Grazie Fratello

  3. giovedì 12 aprile 2012 alle 17:52

    Sono figlia di due lamentosi. Son cresciuta a pane e “non si vive più”, “non arriviamo a fine mese”, “al lavoro non mi rispettano”, “quello lì non mi ha salutato”, “succedono tutte a me”. Devo dire che nell’adolescenza mi sono lasciata contagiare ma una volta uscita dal guscio familiare ho mollato i freni che mi hanno trasmesso e la mia vita ha preso un’altra direzione…

    • venerdì 13 aprile 2012 alle 9:37

      Grandissima!!!!

  4. giovedì 12 aprile 2012 alle 18:16
    bedo

    fiducia, speranza, capacità di non attaccarsi alle “proprie cose”, buona fede, sogno, ……….. quante parole “antiche” questi concetti “moderni” riportano alla luce

  5. venerdì 13 aprile 2012 alle 13:23
    Stefano

    Siamo un popolo di santi? poeti ?navigatori? Mahh!! Di sicuro lamentosi , sarà anche per questo che siamo fermi .
    Grande Andrea

  6. venerdì 11 maggio 2012 alle 7:48
    davide

    che bello non lamentarsi!!!! Ti fa sentire sempre sereno e ti stampa il sorriso sul volto! Ti fa accorgere della bellezza del sole, della preziosità della pioggia della fortuna di avere persone che Ti circondano e su cui puoi contare. Ti fa godere di ciò che hai e non ti fa soffrire per ciò che non hai.
    non capisco come taluni continuino a lamentarsi……poveretti!!!

  7. Pingback: Senso di colpa? Digli addio con il tuo Life Coach! | Ekis Coaching

  8. giovedì 23 agosto 2012 alle 11:00
    Donatella

    Un messaggio per tutti: smettiamola di farci “vampirizzare” ed alziamo gli occhi al cielo più spesso… Ci sono stati dati così tanti doni…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

EKIS Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE